LA “ECO VISION” DI NGK SPARK PLUG PUNTA ALLA DECARBONIZZAZIONE ENTRO IL 2050

// RATINGEN, 20.07.2021
Con l’obiettivo di raggiungere la decarbonizzazione entro il 2050, NGK SPARK PLUG ha istituito la “EcoVision 2030”. Questa visione, basata sugli “Obiettivi di sviluppo sostenibile” delle Nazioni Unite, fissa lepietre miliari per i traguardi che l’azienda vuole raggiungere entro la fine di questo decennio, nonché lavisione che sarà seguita nel decennio successivo fino al 2040.


Per la stesura di “Eco Vision 2030”, sono stati analizzati gli impatti che le attività quotidiane e i prodottidell’azienda hanno sulla società e sul business, identificando 13 elementi critici. Da questo elenco sonostati selezionati quattro temi principali, ritenuti di maggiore impatto, ai quali sono stati assegnati degliobiettivi numerici.
Questi i punti: “Rispondere ai cambiamenti climatici”, “Espansione dei prodotti rispettosi dell’ambiente”,”Conservazione delle risorse idriche” e “Gestione dei rifiuti”.
Attraverso la pratica di “Eco Vision 2030”, tutti i dipendenti di NGK SPARK PLUG lavoreranno insieme percontribuire alla realizzazione della decarbonizzazione globale e dell’obiettivo “zero emissioni”.


“Stiamo attraversando un cambiamento senza precedenti nella nostra azienda”, afferma Damien Germès,Presidente e CEO di NGK SPARK PLUG EUROPE GmbH, Regional President EMEA e Corporate Officerdella sede centrale in Giappone. “Sebbene affrontare il problema del cambiamento climatico presentimolte sfide, offre anche molte opportunità, che siamo desiderosi di cogliere appieno. Con il nostro pianodi gestione a lungo termine, ‘Nittoku BX’, abbiamo già iniziato il nostro processo di trasformazione inun’azienda ecosostenibile e pronta al futuro. La nostra nuova ‘Eco Vision 2030’, insieme ai nostri VentureLabs e al nostro fondo di investimento di 100 milioni di dollari gestito con il supporto della società fondidi investimento Pegasus Tech Ventures, dimostrano chiaramente il percorso che stiamo seguendo.”


Per quanto riguarda il tema “Rispondere ai cambiamenti climatici”, l’azienda mira a ridurre del 30% leemissioni di CO2 rispetto ai dati del 2018 entro il 2030. Per raggiungere questo risultato, sarà data lapriorità alle attività di business che contribuiscono a realizzare la decarbonizzazione della società. Ineffetti, l’azienda ha già compiuto notevoli progressi su questo fronte, come dimostrano gli entusiasmantiprogressi nello sviluppo della tecnologia delle celle a combustibile a ossido solido (SOFC). Questo,inoltre, porterà ulteriori vantaggi anche in futuro quando potrà essere utilizzato come combustibilel’idrogeno privo di carbonio.


Per quanto concerne l’obiettivo della “Espansione dei prodotti ecologici”, l’azienda ha istituito un sistemadi certificazione per i prodotti ecocompatibili, che valuta l’impatto ambientale nella catena di fornitura,compresi i processi di produzione interni. Ogni anno saranno proclamati i prodotti che soddisfano glistandard di certificazione, fregiandoli del titolo di “Nittoku Green Products”. Questo sistema dicertificazione accelererà la creazione di prodotti rispettosi dell’ambiente.


In merito alla “Conservazione delle risorse idriche”, è stato fissato l’obiettivo di mantenere l’intensità delconsumo di acqua al di sotto del livello dell’anno fiscale 2018 attraverso l’implementazione di processiaziendali sostenibili.
Oltre a questo, NGK sta ponendo una sempre maggiore enfasi sulla questione della “Gestione dei rifiuti”.
Questa politica vedrà NGK SPARK PLUG sforzarsi di raggiungere un tasso di utilizzo effettivo di oltre il95% dei rifiuti. Le “3R” (ridurre, riutilizzare, riciclare) saranno considerate sempre più prioritarie el’obiettivo sarà quello di ridurre almeno l’1% dei rifiuti rispetto all’anno fiscale 2018.